Benvenuto nel Portale I.E.S.N.
SEQUENZA SISMICA CALABRO-LUCANA PDF Stampa E-mail
Share

Alle ore 15.12 del 23 novembre 2011 è stato registrato un evento sismico di M 3.63 localizzato al confine tra Calabria e Basilicata, nel massiccio del Pollino. Comuni più vicini all'epicentro sono Mormanno, Morano Calabro, Laino, Rotonda ove il sisma è stato nettamente avvertito dalla popolazione.

La zona da mesi è interessata da una corposa sequenza caratterizzata da centinaia di scosse per la maggior parte strumentali ed alcune avvertite dalla popolazione.  L'elaborazione del meccanismo focale indica la presenza di una struttura sismogenetica di tipo normale estensivo, con andamento nordest/sudovest immergente a sudovest con basso angolo di immersione. Le profondità ipocentrali infatti variano (allineandosi con tale inclinazione) dai 5-6 ai 10-11 km. Il cluster principale è individuato poco a nordest del comune di Mormanno.Questo evento è la massima magnitudo registrata almeno negli ultimi 12 anni ovvero dal 8 settembre 1998 con M 4.9 nella Valle del Mercure (poco più a nordovest).

La I.E.S.N. monitora la sequenza con la rete della Basilicata composta dalle stazioni di Viggiano, Maratea, Castelsaraceno, Fardella e Tricarico, mentre a giorni sarà installata una nuova postazione a Castelluccio Inferiore ed una stazione mobile nella zona di Morano calabro; tutte gestite dal coordinamento Protezione Civile Gruppo Lucano.

Di seguito la mappatura degli eventi da novembre ad oggi (3 dicembre 2011)

Ultimo aggiornamento Domenica 04 Dicembre 2011 02:02
 
EVENTO DI M 4 COSTA SICILIANA SETTENTRIONALE PDF Stampa E-mail
Share

15 novembre 2011: uno sciame sismico sta interessando da questa notte la costsa siciliana settentrionale.

L'evento maggiore è avvenuto alle ore 05.59 (ora locale) ed ha avuto una magnitudo pari a 4.05 ed è stato localizzato a largo di Capo d'Orlando (Me) con profondità ipocentrale di 7 km.

Il sisma è stato nettamente avvertito in buona parte della fascia costiera da Milazzo a Cefalù. Nessun danno a persone o cose

Successivamente le nostre stazoni hanno registrato 9 ulteriori scosse con magnitudo compresa tra 2 e 2.8.

 
M 4.3 Val d'Adige PDF Stampa E-mail
Share

Alle ore 06.13 l.t. evento sismico stimato in ML 4.3 (profondità ipocentrale 9.8 km) localizzato nella bassa Val d'Adige con epicentro tra i comuni di Avio e Borghetto.

Nettamente avvertito dalla popolazione del veronese, del lago di Garda e del Trentino. Non si segnalano danni a persone o cose.

Fino a questo momento non sono state registrate ulteriori scosse, tranne M 2.7 alle ore 04.49 (30 ottobre). L'analisi del meccanismo focale dell'evento indica la presenza di una faglia inversa compressiva (thrust) con andamento ovest/est (con leggero inclinamento a nordest) a basso angolo di immersione, attribuibile al sistema tettonico del Monte Baldo.

Storicamente la zona è stata sede in un evento sismico il 29 aprile 1876 di magnitudo 5.

ore 23.12 del 31 ottobre : replica di magnitudo 3.4; alle 23.34 di M 3.1

sismogramma in diretta della nostra stazione di Verona

 
APPENNINO PARMENSE PDF Stampa E-mail
Share

Alle ore 15.17 è stato registrato un evento sismico di magnitudo 3.8 il cui epicentro è da individuarsi nell'appennino parmense.

Località più vicine sono i comuni di Calestano, Langhirano, Felino e Fornovo.

L'evento, anche in ragione dell'ipocentro elevato (20km) è stato avvertito in quasi tutta la provincia di Parma ed in altre zone tra Emilia e Toscana.

E' stato rpeceduto ad un 2.7 alle 15.01 e seguito da uno sciame di oltre 90 eventi fono ad ora con M max  3.3  alle ore 16.24 del 9 settembre ed alle ore 19.28 del 10 settembre

Sciame ripreso il 17 settembre con eventi di M 3.1 e 3.0

Non si segnala alcun danno a persone o cose.

Il meccanismo focale dell'evento più forte indica la presenza di una faglia di tipo compresivo (Thrust).

 

ELENCO COMPLETO SEQUENZA

Per motivi pratici, considerato l'alto numero di eventi, non verrà inviato il bollettino sismico I.E.S.N. agli iscirtti i quali potranno prendere visione della sequenza dal link soprastante.

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Settembre 2011 17:00
 
Evento Pianura Padana. PDF Stampa E-mail
Share

Alle ore 20.30 del 17/07/2011 registrato forte evento sismico di M 4.7 localizzato tra Ferrara e Verona.

I comuni più vicini all'epicentro sono: Castelmassa, Sermide, Castelnuovo Bariano, Bergantino, sulla sponda sinistra del Po.

Il sisma, preceduto da un foreshock di M3.1 alle 20.22, è stato avvertito in molte zone dell'Italia centro settentrionale tra cui Milano, Bologna, Verona, Bergamo, Como, Trento, Trieste, Firenze, Rimini, Viareggio, La Spezia.

Al momento non si segnalano danni alle strutture. Per motivi precauzionali è stata brevemente interrotta la circolazione sulla ferrovia Bologna-Verona onde consentire i dovuti accertamenti.

Storicamente nell'area interessata non sono stati censiti terremoti di simile energia.

Il meccanismo tettonico che ha generato l'evento è di tipo compressivo (thrust) con direzione est-ovest.

Repliche alle ore 20.38 di M 2.8 ed alle ore 21.22 di M 2.3

27 LUGLIO: ALLE ORE 03.13 EVENTO PARI A M 3.08 - ore 03.21 M 2.1 ore 10.37 M 2.22

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Successivo > Fine >>

Pagina 10 di 14

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto i cookies da questo sito.